I Curdi: origini e divisioni

Nel contesto del conflitto siriano, i Curdi sono spesso indicati come una possibile forza risolutrice in grado di aiutare a sconfiggere l’ISIS e a portare un nuovo ordine nella regione. Quali sono però le origini di questo popolo? E soprattutto, si può parlare di un popolo unito?

Nel crogiolo di popoli qual è il Medio Oriente, quello Curdo è uno dei tanti le cui origini non sono affatto chiare e si perdono nel tempo. Divisi tra Turchia, Iraq, Iran e Siria, alcuni di loro dicono di discendere dai Medi, antichi nemici degli Assiri; certo è forte il collegamento con i popoli iranici, visto il festeggiamento annuale del Newroz a marzo – capodanno tradizionale che cade all’inizio della primavera e deriva da antichi culti zoroastrici – diventato con gli anni una manifestazione del proprio sentimento nazionale. Un altro tratto distintivo è il loro essere popolo delle montagne: vivendo in una zona prettamente montuosa, i curdi hanno sfruttato la geografia a proprio vantaggio, diventando abili combattenti e perlopiù mercenari che, una volta instauratisi gli Imperi Persiano e Ottomano, cambiavano fazione a seconda dei vantaggi che ne traevano.

Newroz-2

Proprio attraverso lo scontro tra Ottomani e Persiani si capisce bene un altro tratto distintivo dei Curdi: la divisione in tribù e le lotte continue tra di esse. Infatti i capi tribù curdi hanno sempre preferito essere sudditi di un sovrano straniero e avere certe autonomie piuttosto che cercare di raggiungere un’indipendenza vera e propria. Questo permane fino ai nostri giorni, nel travagliato ‘900 e nel conflitto siriano. Pur essendo oppressi nei quattro Stati in cui sono stati divisi dopo la Prima Guerra Mondiale, arrivando al divieto di parlare la propria lingua e alla negazione della propria identità in Turchia, i Curdi non sono mai riusciti ad essere uniti per un obiettivo comune, a causa delle divisioni tribali che oggi si sono trasformate in opposte visioni politiche, fazioni divise e antipatie personali.

Una considerevole parte di Curdi in Turchia infatti, non cerca indipendenza, ma solo una maggiore autonomia all’interno di questo Stato (e vota l’AKP di Erdoğan); d’altro canto, esiste un partito nel Parlamento turco (l’HDP) che di fatto rappresenta le istanze curde. A tutto questo si deve aggiungere il PKK, organizzazione terrorista di stampo marxista, che riesce a raccogliere simpatia e ammirazione tra i Curdi per essere stati i primi ad aver lottato apertamente per l’indipendenza,  se pure con metodi discutibili. L’Iraq inoltre è stato ugualmente diviso tra due fazioni in particolare, facenti capo a Barzani e Talabani, che ricordano da vicino gli antichi conflitti tribali e che solo negli ultimi anni hanno sedato le violenze, con l’indipendenza de facto del Kurdistan iracheno.

Erbil-2

A queste divisioni all’interno dei diversi Stati devono aggiungersi i contrasti tra gli stessi Curdi. In effetti, anche se uniti dalla stessa etnia, i curdi iracheni e quelli turchi sono in rapporti tutt’altro che amichevoli: il governo del Kurdistan iracheno, commercia il proprio petrolio con la Turchia in cambio di una lotta comune al PKK e alle aspirazione autonomiste dei curdi in Turchia. Si ha quindi, per l’ennesima volta nella storia, il paradosso di una lotta tra curdi e la mancanza di un orizzonte comune.

Più che di un popolo curdo unito dunque, si dovrebbe parlare delle visioni politiche diametralmente opposte all’interno di esso che, nonostante la relativa omogeneità etnica e la condivisione dello Stato Islamico come nemico comune, non sono state appianate e che rischiano solo di complicare il conflitto in Siria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *