Il mattino: da sempre un simbolo di risveglio e di inizio

IMG_0417

Questa che vedete nell’immagine potrei essere io la mattina che corro per arrivare puntale in ufficio, di corsa come sempre, alle prese con tacchi, sogni e pavè milanese.

No, non volgio parlarvi di urbanistica, né di sicurezza sul lavoro, né di me.

Mi piacerebbe portarvi in giro per Milano, con carta, penna e macchina fotografica, per condividere insieme luoghi ed abitudini che frequento ed amo e che profondo se un amico mi chiede un consiglio.

Decidete voi se attraversare la mia città in bicicletta, in tram, a piedi o con il naso in sù.

Tutti sanno che il pasto principale della giornata è la colazione; ed è vero, non c’è nulla di retorico e banale in questa frase. Per me il mattino rappresenta un simbolo di risveglio e di inizio.

Ogni singolo giorno.

Poco tempo fa, passeggiando per quella che tutti definiscono la parte “afro orientale” di Milano, mi sono imbattuta in un posto decisamente originale ed è stato amore a prima vista.

La pasticceria – riduttivo chiamarla così – si chiama Pavè Milano (www.pavemilano.it) e trovi prodotti artigianali rigorosamente “home made” che spaziano da croissant con confetture dai gusti strani, torte con confezioni che ricordano profumi francesi, brioches salate con cui fare giornata, thè naturali, centrifugati – che sono il nuovo nero – e molto altro.

Quando entro da Pavè mi si apre il cuore: tavoli e sedie vintage, specchi retrò dove sistemare i capelli e ripassare il rossetto, poltrone in velluto verde e musica di sottofondo. ”Dolce” per accompagnare una chiacchiera o un momento di relax.

Personale cortese, giovane e smart: trovano sempre il modo di farti accomodare e ti regalano un sorriso, sempre.

All’interno del sito potete trovare un e-shop dove acquistare le loro specialità ma anche merchandising ufficiale come tazze, t-shirt, shopping bag – sempre utili come idee regalo – .

Fossi in voi, mi precipiterei a provare i biscotti di farina di frumento alle fave di cacao: una bomba!!

Ci vediamo a pranzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *