Islam e cultura scientifica: sinonimi o contrari?

Uno dei pregiudizi più radicati in questi tempi è che il rapporto cultura-Islam sia viziato da una ostilità di fondo che vede la scienza e/o l’esercizio della razionalità come un’attività né necessaria né giustificata dal punto di vista del kalām, della scienza teologica fondato sul Corano, la Sunna e gli hadī, i detti del Profeta.

Titolo_Articolo Islam (1)

1. Il ruolo dell’intelletto nella tradizione islamica

Stupirebbe probabilmente constatare che su un totale di 6237 ayāt o versetti, ben 570 incitino all’utilizzo critico dell’intelletto, ‘aql. Un esempio tratto dal filosofo Averroè: “Non hanno guardato al cammello come è stato creato? Non hanno guardato alle montagne come sono state piantate sulla terra, alla terra come è stata distesa?” (Sura 88,4-7). La legittimazione all’indagine scientifica e culturale è ancora più esplicita nei detti del Profeta: “A colui che si incammina alla ricerca della scienza Dio spiana la via al Paradiso”,”Colui che lascia la sua casa alla ricerca della scienza è nella via di Dio sino al suo ritorno”, “Cercate la scienza fosse anche fin in Cina”.

2. Casa della saggezza e università

Questa situazione potenzialmente fertile per lo sviluppo culturale dell’ambiente musulmano si concretizzò nell’attività di trasmissione del patrimonio di cultura filosofica e medica classica operata dalla Bayt al-Hikma, Casa della Saggezza, fondata a Baghdad nell’832 dai – dice nulla? – califfi abbasidi. Né era questo l’unico caso. Basti pensare che tre secoli dopo, mentre la Biblioteca Vaticana annoverava 986 libri, quella almoravide di Cordoba ne possedeva 40.000 e che le più antiche università – fonte: UNESCO – al mondo sono quelle di al-Qarawiyyin (Fez, Marocco) e al-Azhar (Cairo, Egitto), fondate rispettivamente nell’859 e nel 970, seguite poi da Bologna nel 1088.

Immagine 1_Islam3. La strada del tradizionalismo: dal XII secolo all’era moderna

Questa grande apertura iniziale andò però gradualmente svanendo sotto i segni di un progressivo consolidamento della tradizione religiosa a scapito dell’elasticità culturale. Questo processo si originò – spiega il premio Nobel per la fisica Abdus Salam – dalla concezione tipicamente musulmana dell’assoluta trascendenza e unità divina (il Tawhīd) e dall’impossibilità di discernere Scienza, Vita e Potenza dalla natura di Dio. Ogni atto che si verifica nel mondo è dunque non separabile dalla natura di Dio. Se Dio è trascendente e non conoscibile nella sua natura con la razionalità umana, ecco come i presupposti per la speculazione scientifica entrino in una crisi profonda, destinata a durare fino all’età moderna e acutizzata dalla scomparsa della Bayt al-Hikma dopo la conquista mongola di Baghdad (1258). Ad incarnare perfettamente questa concezione è la frase del teologo e filosofo di XI-XII secolo al-Ghazali: «un pezzo di cotone che prende fuoco non si consuma a causa del calore, ma perché Dio vuole che lo faccia». 

Immagine 2_Islam4. Nuove sfide

Da questo declino della cultura e della scienza musulmana non mancano figure di grande levatura scientifica provenienti dal mondo musulmano, quali il già citato Abdus Salam e l’iraniana Maryam Mirzakhani, prima donna vincitrice della Medaglia Fields per la matematica. Che ha studiato e si è formata negli Stati Un… no, si è laureata alla Sharif University of Teheran, ha conseguito poi il dottorato ad Harvard ed ora insegna a Stanford – Steve Jobs, ricordate? – ma non ha avuto difficoltà a studiare nel suo paese. Maryam sembra ancora però una pecora nera nel gregge dei paesi dell’Organizzazione della Cooperazione Islamica, dove il tasso di alfabetizzazione tocca la media del 70%, di circa 10 punti inferiore alla media mondiale e a quella dei paesi sviluppati (82,5%) e dove circa metà della popolazione femminile non è istruita. L’Islam ha modelli ed esempi del suo passato a cui attingere e da reinterpretare in chiave moderna, una Casa della Saggezza da restaurare per rasserenare il suo rapporto con la cultura. Saprà vincere la sfida?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *