Storia dei Sioux ed il delicato equilibrio di Standing Rock

Una serie di sfortunati ordinamenti esecutivi. E’ così che inizia il mandato di Donald Trump, neo presidente degli Stati Uniti, che negli ultimi giorni ha firmato per ben 17 ordini esecutivi incentrati principalmente su delle limitazioni dei fondi per la sanità e per i servizi pro-aborto, una ferrea lotta all’immigrazione, modifiche del sistema commerciale e dell’organizzazione della sicurezza nazionale. Molti di questi hanno causato diffuso malcontento e numerose manifestazioni di protesta in America e nel resto mondo. Il 24 gennaio ha autorizzato la realizzazione degli oleodotti Keystone e Dakota Access, bloccati in precedenza da Obama dopo valutazioni ambientali e numerose proteste dei Sioux. Un enorme rischio ambientale per quanto concerne il riscaldamento globale, dal momento che il loro funzionamento aumenterebbe le emissioni di CO2 prodotte da Canada e Stati Uniti.

Nel caso del Dakota Access Pipeline, è prevista la trivellazione sotto il dakota-access-pipeline-construction-wide-1020x546fiume Missouri nelle terre della Riserva Standing Rock, in cui si erge l’accampamento Sacred Stone dei Sioux. La Energy Transfer Partners, di cui Trump è azionista, ha già costruito il 90% del percorso di 1770 km della pipeline e, per completarlo, necessita del passaggio sotto il lago Oahe. Qualsiasi perdita dell’oleodotto avrebbe un impatto ambientale disastroso dalla riserva fino al Golfo del Messico, inquinando irreversibilmente tutta l’area, le zone agricole e l’unica fonte d’acqua potabile da cui dipendono più di 8 mila persone risiedenti a Sacred Stone. L’oleodotto non risparmierà neppure necropoli, siti sacri e zone di preghiera.

Una firma. E la guerra con gli indiani ricomincia.

La tribù Sioux di Standing Rock ha protestato per mesi nel 2016 contro il progetto, con l’appoggio di attivisti ambientali, politici e personaggi di rilievo del panorama Hollywoodiano e musicale. E’ stato creato anche un accampamento di migliaia di persone. Il movimento pacifico di protesta ha portato all’unione di decine di tribù indigene del continente nordamericano che, dopo secoli di ostilità, si sono riappacificate in nome della solidarietà e della condivisione di valori fondamentali legati alla Madre Terra. In questa sede, si sono svolte anche diverse pratiche spirituali indigene e momenti di preghiera. La risposta delle forze armate è stata violenta, con esiti talvolta drammatici per i manifestanti, reprimendo ogni protesta con arresti, scontri fisici, proiettili di gomma, getti d’acqua da idranti e spray al peperoncino. Fino alla momentanea sospensione del progetto a dicembre. Ora, gli indiani si preparano per una nuova ondata di opposizione valutando azioni legali.


sioux-dakota

Ciononostante, cosa sappiamo della tribù Sioux?

I gruppi etnici Lakota, Dakota e Nakota vengono raggruppati sotto la designazione Sioux occidentali, ovvero “Serpenti”, termine denigratorio che gli è stato attribuito dagli Ojibwa, popolo nemico di lingua algonchina. Il nome corretto Lakota designa sia il popolo sia la lingua dalle sette branche Teton: Oglala, Sincangu, Mnikowoju, Hunkapapa, Itazipc, Oohenupa e Sihasapa

Di cultura lacustre legata alla casa-villaggio, in origine vivevano in tipi. Popolo nomade ed equestre, basavano il proprio sostentamento sulla caccia al bisonte e, anche se in minima parte, sull’orticultura. Le tribù delle pianure commerciavano tra loro per mezzo del linguaggio dei segni, agevolazione unica della regione, che permetteva la comunicazione a scopo commerciale superando le differenze linguistiche.

Le opere del medico James R. Walker costituiscono la principale fonte sulla cosmologia Lakota, secondo cui prima della creazione della terra, gli dei dimoravano in un dominio celeste indefinito e gli uomini in un mondo sotterraneo, per poi emergere in superficie.

I Lakota credono nella reincarnazione e vedono la vita come un susseguirsi di viaggi. Secondo tale concezione l’uomo attraversa quattro generazioni: infanzia, adolescenza, maturità e vecchiaia. Dopo la morte, una delle quattro anime intraprende l’ultimo viaggio sulla Via Lattea, per essere giudicata da una donna che può far proseguire il suo cammino o rimandare l’anima come fantasma sulla terra. L’Aldilà è un duplicato evanescente del mondo dei viventi in cui gli spiriti vivono in accampamenti, cacciano bisonti, cantano e danzano. Le stelle sono i fuochi degli accampamenti dei deceduti. Lo scalpo veniva praticato per impedire agli spiriti nemici di raggiungere il mondo degli spiriti.

L’ aquila veniva considerata il messaggero del Grande Spirito, ovvero la totalità dei poteri dell’universo e degli esseri soprannaturali, le cui piume venivano usate per scopi cerimoniali e per la realizzazione del celebre copricapo warbonnet. Dopo la sua cattura in trappole apposite, il corpo dell’aquila veniva sepolto ed al suo spirito venivano offerti dei doni.

La sacra pipa veniva fumata durante le cerimonie religiose, si credeva che il suo fumo portasse un messaggio agli spiriti in cielo. Il tabacco veniva appeso agli alberi come offerta agli essere soprannaturali.

Secondo la mitologia i Sette Riti Sacri vennero comunicati all’uomo da Stella cadente, figlia del Sole e della Luna. Sei di questi sono tuttora la colonna portante della religione Lakota. Primo fra tutti La Danza del Sole, rito annuale estivo eseguito prima della caccia al bisonte, in cui si danza in direzione del sole. La Capanna della sudorazione, mezzo di purificazione e rito propiziatorio in cui si prega per il benessere della tribù, viene praticato prima di intraprendere percorsi spirituali o di andare in guerra. La Ricerca di una visione, in cui un individuo sotto la guida di un medicin man si isola dalla tribù digiunando fino al sopraggiungere di una visione che influenzerà il suo futuro. Altri riti sono: Trattenimento del fantasma, in cui uno spirito viene nutrito da un parente per un anno dalla sua morte; Farsi dei Parenti, atto a creare legami adottivi di forte intensità tra persone non imparentate; e la Cerimonia della pubertà, eseguita con il rito “Essi cantato del suo mestruo” al menarca di una ragazza e praticata con la credenza di iniziarla, così, alla crescita con le virtù di una donna.

I Nativi vennero confinati nelle riserve nel 1868 quando firmarono un trattato con il governo federale a Fort Laramie. I Lakota furono grandi combattenti sotto la guida di capi come Nuvola Rossa, Cavallo Pazzo, Toro Seduto, Fiele e Pioggia sul viso. Annientarono l’armata di George Armstrong Custer, nella battaglia di Litte Big Horn nel 1876. Dopo l’insediamento dei primi missionari cristiani, l’ultimo tentativo di opposizione pacifica fu la Danza degli spiriti che si credeva avrebbe causato la distruzione dei bianchi per mezzo di un evento catastrofico naturale, ma che, invece, portò al massacro di centinaia di indigeni nella riserva di Pine Ridge sul torrente Wounded Knee nel 1890, in quanto il governo federale decise di fermare tutte le danze temendo ulteriore ostilità.

Ghost Dance, 1894, filmato da Thomas Edison

Il sofferente grido dei Sioux, si è levato dalle grandi praterie del Nord America innumerevoli volte nel corso della storia. Se le terre del North Dakota potessero parlare, risuonerebbero nel vento le grida di migliaia di Nativi Americani strappati alle proprie vite ed alle proprie terre nel profano nome del progresso.

Il Dakota Access Pipeline è l’ennesimo tentativo di sottomissione e sfruttamento delle sacre terre ancestrali, in cui da secoli i Sioux seppelliscono i loro morti e vivono in completa simbiosi con le forze della natura.

E la storia ripete il suo triste corso.

 

Fonti di riferimento: Sioux, sito ufficiale–> http://sacredstonecamp.org/

 

Bibliografia:

 Religioni delle Americhe (16º volume di 17 dell’Enciclopedia delle religioni diretta da M. Eliade), Milano: Jaca Book, 2010

Sitografia:

http://www.sentierorosso.com/spiritualita-e-cerimonie/nativi-americani/no-dakota-pipeline-italian-supporters

http://standwithstandingrock.net/ 

https://www.theguardian.com/us-news/2016/sep/12/north-dakota-standing-rock-protests-civil-rights

http://www.tpi.it/mondo/stati-uniti/trump-autorizza-oleodotti-terre-sacre-nativi-north-dakota

http://www.huffingtonpost.it/2017/01/25/standing-rock-contro-donald-trump_n_14384332

http://www.tpi.it/mondo/stati-uniti/sioux-nativi-causa-trump-oleodotto-nord-dakota

Credits immagini:

http://www.primapaginachiusi.it/2017/01/donald-trump-sblocca-due-mega-oleodotti-riapre-la-guerra-con-gli-indiani-sioux-sul-sentiero-di-guerra/

http://www.thehoodwitch.com/blog/2016/9/7/defend-the-sacred-10-ways-you-can-help-the-standing-rock-sioux-fight-the-dakota-access-pipeline

Credits video:

https://m.thevintagenews.com/2016/06/06/footage-filmed-thomas-edison-1894-shows-sioux-buffalo-dance/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *