MaMu, dove la musica classica sorprende

La musica classica per molti è confinata in luoghi eleganti e settoriali. E’ un pregiudizio: a Milano c’è un luogo dai molti volti, dove tutti possono scoprirla ed amarla: il Mamu
Per molti la musica classica è sinonimo di teatri, loggionisti poco clementi, signori con scarpe tirate a lucido e signore agghindate che si sporgono dalla prima galleria reggendo un binocolo. È innegabile che intorno al mondo della musica classica aleggi un fascino romantico che spesso può risultare lontano dal caotico mondo contemporaneo e che, a uno sguardo poco attento, può farla apparire musica statica e superata.
Quante persone associano Bach o Vivaldi all’aggettivo “noiosi”? Probabilmente una buona parte, ma è questione di gusti. A coloro che sono fanatici di musica classica e a cui si sciolgono le ginocchia ascoltando una coloratura o una cadenza d’inganno, il nome MaMu, come ciò che è scritto nel seguito di questo articolo, non risulterà sconosciuto; ma per chi appartiene alla categoria di ascoltatori che trema al solo pensiero di dover sedere per più di due ore ad ascoltare musica classica, o che considera il mondo dei compositori come musica d’elite a sé estranea, potrebbe essere una rivelazione.
MaMu, Magazzino Musica, è un luogo che non ci si aspetta. È una libreria che vende spartiti, libri e cd musicali; si trovano partiture dei compositori più famosi, come Mozart e Chopin, o spartiti meno conosciuti, cd di grandi direttori e di nuovi talenti, il dvd che lo zio cerca da anni perché vuole risentire quella famosa aria della Traviata interpretata dalla Callas, libri, saggi, romanzi e libretti d’opera riadattati per bambini di ogni età. MaMu in particolare è uno spazio per concerti che offre svariati eventi interessanti, dalla lirica ai recital a concerti per orchestra, interpretati da musicisti virtuosi, ma anche masterclass dedicate ad un pubblico molto disparato.
Ed è persino un bar-caffetteria che fornisce ottimi aperitivi accompagnati da calici di vino. Quello che rende diverso questo spazio dalle solite sale da concerto con palco, sipario e poltrone di tessuto rosso scuro è il modo di fruizione: all’insegna dell’informalità. Il palco è la sala stessa, il pubblico può disporsi a proprio piacimento, basta prendere una sedia e prestare attenzione a non sedersi in braccio al pianista. A MaMu è possibile godersi concerti di ottima qualità, intrattenersi sorseggiando un buon bicchiere di vino o scambiando quattro chiacchiere prima che inizi la serata e, dopo il bis e gli applausi, sfogliare uno spartito o addirittura provare alcuni degli strumenti.
Tutto in un luogo accogliente, moderno e decisamente inaspettato. È tanto l’entusiasmo che gira attorno a questi appuntamenti; la passione e la cultura, che sono le fondamenta di questi eventi, si percepiscono appena si varca la soglia e questo rende il tutto ancora più interessante. Insomma, è un posto da non perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *