I social sono il nuovo mezzo per procurarsi il cibo

“La scoperta di un piatto nuovo è più preziosa per il genere umano che la scoperta di una nuova stella”

Anthelme Brillat-Savarin

Per i nativi digitali, tutti i campi della quotidianità passano attraverso la rete: è diventata lo strumento principe dei millennials per procurarsi il cibo, portando con sè anche un aumento di consapevolezza.

Tra le caratteristiche dei milllennials c’è anche quella di essere nativi digitali. Di essere cioè nati nel momento in cui si sviluppano sempre nuove e più specifiche possibilità informate, che la generazione Y inizia a utilizzare a partire dai primissimi anni, maneggiandola quindi con una scioltezza sconosciuta alle generazioni più anziane. Dimestichezza che ha consentito loro di applicare lo strumento informatico a tutti i campi, da quelli più complessi alle necessità più quotidiane, come il cibo.

I social ad esempio rivestono in questo campo una importanza che potrebbe risultare sorprendente.  ricerca presentata da Erika Andreetta, Partner Retail&Consumer Goods Consulting Leader di PwC, dimostra ad esempio che più della metà dei millennials usa i social per scoprire prodotti alimentari, di cui piattaforme specifiche e non consentono di avere recensioni, feedback e commenti piuttosto dettagliati prima di acquistarli fisicamente. Una abitudine fatta propria da un significativo 42% dei millennials, per i quali la spesa è diventata un punto di arrivo di un percorso.

Le aziende da parte loro hanno già cominciato a recepire il messaggio e si stanno adattando. Andreatta,  – come riporta FoodWeb – annota che: “sono già sulla buona strada verso una comunicazione trasparente, poiché il 49% dei Millennials e il 55% della Generation Z percepisce già i propri brand preferiti in modo positivo per quanto riguarda queste tematiche”.

Uno spostamento, quello del mondo del settore sui social, che non si ferma a come i millennials si procurano il cibo. Notoria infatti la grande quantità di foto e commenti a tema cibo. Una massa estremamente funzionale alle aziende: anche così infatti queste possono raccogliere Big Data, cioè informazioni commerciali e di marketing su larga scala. Una funzione che, secondo lo studio, i millennials si dicono disposti ad agevolare. Infatti il 40% si dice disposto a condividere lo storico dei propri acquisti con il brand preferito, il 30% a condividere video: si sta insomma creando un rapporto di fiducia tra consumatore e venditore, ovviamente incentivato dalle aziende, che nel mondo del cibo trova una sua efficace applicazione.


La migrazione sul digitale dei modi per procurare il cibo non è però totale. Secondo lo stesso studio lo strumento di comunicazione più efficace restano le etichette (secondo la metà dei millennials) e le campagne televisive e radiofoniche, secondo il 41%.

Le ricadute del digitale sul modo di procurarsi il cibo non si limitano però agli aspetti pratici. I millennials hanno imparato a usare la rete anche per maturare la propria consapevolezza. Non cercano soltanto prodotti che hanno già visto, ma vogliono soprattutto caratteristiche specifiche. Come sintetizza Mark-up:  Il 76% dei millennials cerca in particolare e con attenzione sempre crescente i prodotti di qualità, al punto che il 73%  afferma di essere disposto a pagare di più per avere la certezza sulla sostenibilità dei propri marchi di alimentari preferiti.
I millennials ricercano attivamente informazioni sulla sostenibilità dei propri brand preferiti, fidandosi in primis di parenti e amici (29% millennial), del passaparola (27%  e solo al terzo posto del negozio (26% millennials).

Un esempio efficace non solo di quanto i millennials sono abituati e naturalmente portati all’utilizzo della rete in tutti i campi, ma anche di quanto essa sia diventata strumento, per molti, di un aumento di consapevolezza e di cura, anche per quanto concerne quel che finisce sulle tavole della generazione Y.

Fonti:                                   Immagini

FoodWeb                            Copertina
Mark-up                              Foto 1
Foto 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *