Hollywood e la solita solfa dell’americano buono

HOLLYWOOD E LA SUA IMPORTANZA

Il cinema statunitense è la principale fonte produttiva per quanto riguarda la cinematografia mondiale. Qualsiasi persona, che si trovi di fronte alla scelta di un film da vedere, come prima proposta avrà, sicuramente, un film girato negli Stati Uniti, oppure che coinvolge degli attori o un regista di questa nazionalità. Tutti gli attori, da qualsiasi parte del mondo provengano, hanno come aspirazione quella di poter lavorare nel mondo di Hollywood 

IL DIVISMO DI HOLLYWOOD

 

Fin dalla nascita delle grandi case di produzione hollywoodiane, si è iniziato a parlare di icone del cinema, semplici attori e attrici dotati di bellezza, che la fortuna ha portato a diventare delle sorta di divinità per il pubblico. Esso, andando al cinema, si immedesima nelle storie raccontate e ammira la bellezza eterea dei personaggi rappresentati. Il pubblico ha l’impressione di conoscere personalmente l’attore che vede sullo schermo e finisce per affezionarsi, non riuscendo più a scindere la finzione dalla realtà. 

GLI STEREOTIPI  

I generi maggiormente diffusi, che riscuotono molto successo tra il pubblico, e, di conseguenza, molti incassi sono sicuramente la commedia e il genere horror. La lista di film di questo genere che sono stati prodotti e girati sarebbe infinita da stilare. Ovviamente, film che appartengono allo stesso genere devono avere dei punti in comune e, molto spesso, questi si trasformano in assurdi clichè e ripetute banalità. Nelle commedie americane, per esempio, c’è sempre un personaggio imbranato oppure sfortunato, che puntualmente incontra l’amore della sua vita, oppure diventa il protagonista di una vicenda incredibile. All’interno di questo genere rientrano anche quelle pellicole ambientate nell’universo scolastico ed adolescenziale, ancora più cariche di stereotipi. I film horror, invece, iniziano quasi sempre con una situazione tranquilla e le produzioni americane, tranne ovviamente qualche eccezione, sembrano quasi ripetersi.  

IL DOMINIO DI HOLLYWOOD  

Nella lista dei 100 migliori film del mondo, stilata dall’autorevole Timele pellicole realizzate da regie statunitensi sono numerose. I registi, che si trovano a dover rappresentare la realtà americana, devono fare i conti con il fatto che questa sia molto controversa e piena di contraddizioni, poiché ai lati positivi di tale nazione, come la potenza nel panorama internazionale, si affiancano alcuni aspetti non sempre positivi della sua mentalità.  

GLI ASPETTI NEGATIVI DELLA SOCIETA’ AMERICANA  

In America sono ancora aperte problematiche e dibattiti profondamente importanti e complicati, specialmente per quanto riguarda i temi sociali. Si tratta, per esempio, di un Paese che ammette ancora la pena di morte, seppur solo in taluni stati. Il razzismo e i pregiudizi razziali sono ancora profondamente radicati nelle mentalità di numerosi gruppi sociali. Una ragione di questo potrebbe risiedere nella storia americana, fortemente legata alla convinzione della superiorità bianca e alla pratica della schiavitù. Oltre a ciò si potrebbe aggiungere anche il problema della violenza di tutte le tipologie e la semplicità con cui si possa entrare in possesso di un’arma a fuoco. Quest’ultimo punto si collega, poi, ai tragici eventi delle stragi nelle scuole, compiute da adolescenti a cui non si sarebbe mai dovuto dare il permesso di entrare a contatto con un’arma.  

I FILM CON TEMATICHE SOCIALI 

Il cinema americano è apprezzato per le sue produzioni da milioni di dollari e per il fascino degli attori e delle attrici che, molto spesso, finiscono per diventare delle icone e degli idoli per una moltitudine di persone. I film che riscuotono però il maggiore successo e consenso da parte della critica, specialmente negli ultimi decenni, sono quelli che affrontano temi sociali spesso scomodi, problematiche vere e presenti nella società americana. C’è bisogno di storie di denuncia, in modo tale da scuotere l’opinione pubblica.  

LE PRODUZIONI DEL PASSATO 

In passato, invece, si è assistito a ben diverse rappresentazioni della società a stelle e strisce. Gli appartenenti al mondo di Hollywood si impegnavano a rappresentare, mediante storie piene zeppe di stereotipi e di immagini eccessivamente positive e buoniste, una nazione a tratti perfetta e snaturata da tutte le controversie che la contraddistinguono.

L’ESEMPIO DI “VIA COL VENTO” 

Un esempio eclatante di come l’opinione pubblica si stia evolvendo è quello di “Via col vento”. Si tratta di una pellicola del 1939, epoca in cui, decisamente, il movimento “Black lives matter” non aveva ancora fatto la sua comparsa. Recentemente il film è stato rimosso dal catalogo di HBO, poiché ritenuto rappresentativo di molti pregiudizi razziali, all’ordine del giorno in quel periodo storico. Il fatto che ora venga rimosso da una piattaforma di streaming, mentre per quasi un quarto di secolo sia rimasto il film con il maggior incasso della storia, ci fa comprendere come i tempi siano cambiati. Gli afroamericani presenti nella trama risultano fortemente stereotipati e relegati sempre comunque a dei ruoli marginali.  

IL FENOMENO DEI SUPEREROI 

Il supereroe è un eroe, qualcuno che ha delle caratteristiche fisiche simili ad una persona normale, ma non lo è. Egli è infatti dotato di diverse caratteristiche, che lo rendono non solo unico, ma anche più forte degli altri e in grado di combattere e vincere contro il male. Il concetto di base dei supereroi è considerata una prerogativa americana. Questo tipo di personaggio ha fatto la sua comparsa sotto forma di fumetti, specialmente legati ai colossi Marvel e DC StudiosNegli ultimi anni, dai fumetti sono stati ricavati innumerevoli film, che stanno riscuotendo un enorme successo tra una grande fetta di pubblico. Le storie di personaggi come Batman, Superman, gli Avengers, ma anche Wonder Woman e Spiderman appassionano, diventando spesso saghe cinematografiche. Il pubblico si appassiona al concetto di avere qualcuno che, con la sua sola forza, combatte il male e protegge una popolazione intera indifesa.  

 

CAPITAN AMERICA 

Emblematico, in questo caso, è il caso di Capitan America. Si tratta di un personaggio che attualmente fa parte dell’universo Marvel. Questo supereroe nacque all’interno del contesto della Seconda Guerra Mondiale come strumento propagandistico, alludendo alla libertà e al patriottismo americano. Il costume stesso che il supereroe indossa rappresenta la bandiera americana e ci mostra chiaramente i valori ai quali è legato. 

FONTI:  

MoviePlayer.it

Repubblica 

Wikipedia

 

IMMAGINI:

Copertina

 Immagine 1 

Immagine 2

Immagine 3

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.