I soldi fanno la felicità

Ci raccontano tante favole da bambini e con quelle, alle volte, apprendiamo le cose belle e vere della vita. Poi, più grandicelli, ci insegnano i proverbi dei vecchi saggi con i quali fronteggiamo le insidie della vita. E quando diventiamo finalmente grandi siamo noi a dare consigli ai più giovani. In tutto questo ripetiamo a noi e agli altri il solito mantra buonista che afferma: “i soldi non fanno la felicità”.

Cazzate.

Di tutte le storie che sentiamo, interiorizziamo e insegniamo, questa è la bufala più grande che le nostre orecchie possano sentire.

Certamente la vita è piena di tesori sentimentali che nemmeno ci immaginiamo. Ma allo stesso tempo, vista la fine del baratto giusto qualche decade fa, per campare abbiamo assolutamente bisogno dei money. Sono il primo a cui gli piacerebbe andare a far la spesa, presentarsi davanti alla cassiera e dire: “Guarda oggi non ho soldi, però ti voglio tanto tanto bene e per questa volta ti pago con il mio affetto!”. Che ci piaccia o meno il mondo vive e si nutre di soldi. Ormai il denaro si è insediato nelle viscere della terra e di tutti noi.

Mollo tutto

Sentiamo alle volte storie diverse ma con trame simili di uomini o donne che a un certo punto mollano tutto e cambiano completamente vita. Passano dal lusso a una vita normale, dai super guadagni a un’apparente vita di sussistenza. Mi riferisco a coloro che magari prima erano titolari di grandi aziende, oppure figli di famiglie più che benestanti e altro che decidono di cambiare vita. Bene, chapeau mi viene da dire. Ma, forse, vedendo il loro conto in banca si sentono le spalle ben coperte e così è facile dire “mollo tutto”. Sono disposti a mollare anche tutto il loro conto in banca? Mah…

Di Chris McCandless (il ragazzo che ha ispirato il film Into the wild) ce n’è stato solo uno e purtroppo la sua avventura è finita tragicamente. Dobbiamo per forza accettare il fatto che non possiamo permetterci di uscire di casa senza almeno la carta di credito, o se proprio qualche moneta è giusto sempre averla in tasca.

Senza soldi cari miei non si mangia e non si sopravvive. Tanti o pochi che siano ne abbiamo bisogno. Certo, oltre che averli bisogna pure utilizzarli, ma iniziamo ad averne, poi come spenderli ci pensiamo più tardi.

Fuori i soldi!

In queste settimane, se non mesi, si discute del fatto che manca personale nei ristoranti, alberghi e simili. Beh, se vi aspettate che la gente lavori a gratis (o quasi) credo che la vostra ricerca del personale continuerà per molto tempo. Non c’è nulla di gratuito su questo pianeta, men che meno il lavoro. Quindi, cari miei, sganciate il grano. E non tirate fuori la storia della gavetta e del sacrificio, perché a furia di usarla è diventata retorica da bar.

La felicità è altro

Tornando al motto riportato all’inizio, è impossibile non ridere ormai nel sentirlo. È vero, la felicità la troviamo anche in altre situazioni e occasioni che la vita ci propone. Ma, gira che rigira, tutto è basato sui soldi; anche quello che apparentemente non è legato a esso. Chi pensa di vivere solo di amore per esempio, si dimentica che i regali non si pagano con gli occhi dolci, che i conti delle cene non si saldano con baci e abbracci e che i mutui non si estinguono con una stretta di mano.

Pure la scienza

Lo dice pure la scienza che i soldi fanno la felicità. Quindi, se anche i numeri sono a favore della suddetta tesi siamo a posto. Come se comunque ci fosse bisogno di una ricerca scientifica ed economica per affermarlo. Non è tanto il fatto di aver soldi, ma la possibilità di spenderli in qualunque maniera che aumenta la gioia nelle persone.

La ricerca a cui ci riferiamo afferma che le persone, nello scegliere tra un’esperienza di vita (come un viaggio particolare) e l’acquisto di un bene materiale (esempio l’ultimo cellulare o una vettura sofisticata) scelgono la seconda opzione. Questo perché a quanto pare esse sentono il bisogno di acquistare beni tangibili, e questi beni come potete immaginare, si comprano con i soldi e non con la legna.

Quindi, signori e signore, potete far finta di nulla, potete continuare a essere convinti che la vita è tutto tranne che il denaro, ma qualsiasi cosa fate state tranquilli che finirete sempre nel circolo vizioso del Dio Soldo.

 


Fonti:

wired.it

Credits:

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.