Tutela dell’ambiente: quali iniziative?

Siamo sommersi da notizie riguardanti il riscaldamento globale e la tutela dell’ambiente. Prevenire l’inquinamento, facendo del nostro meglio, deve essere una priorità. Anche e soprattutto poiché stiamo andando verso un punto di non ritorno ed è necessario arrestare, quanto prima, questo processo. Ebbene, in questo contesto ci sono alcune campagne pubblicitarie e iniziative a dir poco interessanti, che cercano di dare il proprio contributo alla tutela dell’ambiente. Vediamone alcune insieme!

tutela dell'ambiente

Per la tutela dell’ambiente: Adotta un albero

Treedom” è una piattaforma che permette, nel vero senso della parola, di adottare un albero a distanza! Come funziona? Ti basterà iscriverti al servizio e verrà piantato un albero, in una parte del mondo. Potrai seguire il processo di crescita dell’albero, tramite fotografie e un’esatta geolocalizzazione. Inizialmente, l’albero è piantato in un vivaio, per poi essere donato a contadini locali. In questo modo si aiutano le comunità rurali locali e si contribuisce a un progetto ecosostenibile. Sul sito dell’iniziativa si legge che, in 12 anni di attività, Treedom ha piantato oltre 3 milioni di alberi nel mondo.

Bolle nello spazio per schermare il calore

Da un’iniziativa che ci riguarda da vicino, passiamo a un’idea a tutti gli effetti spaziale. Infatti, il Massachusetts Institute of Technology ha proposto un progetto che ha fatto il giro del mondo: lanciare nello spazio delle bolle ultrafredde, che dovrebbero schermare la Terra dal calore del sole. Questa soluzione dovrebbe farci guadagnare tempo, mentre ci impegniamo a ridurre le nostre emissioni. Queste bolle dovrebbero essere realizzate in modo tale da riflettere la luce solare, riducendo quella che arriva sul nostro pianeta. Vedremo come e quando questa idea diventerà realtà!

Trash challenge

Tutti i frequentatori dei social si saranno imbattuti, prima o poi, in un qualche tipo di challenge virale. Si tratta di vere e proprie sfide, che impazzano sul web e portano gli utenti a creare contenuti in cui mostrano di aver accettato la sfida. Ebbene, nel 2019 è diventata virale la Trash challenge, che esortava tutti a ripulire uno spazio dai rifiuti. In questo modo, oltre a diventare virali sui social, gli utenti hanno contribuito (nel proprio piccolo) alla tutela dell’ambiente. Come unire l’utile al dilettevole, si potrebbe dire!

L’ape influencer

Siamo nell’epoca degli influencer. Qualsiasi persona può diventare popolare sui social. Basta un pizzico di fortuna, molta originalità e costanza nella pubblicazione dei propri contenuti. Nel 2019, su Instagram, è apparso un profilo particolare: @bee_influencer. Si tratta a tutti gli effetti di un’ape, soprannominata B, che pubblicava scatti divertenti, in diverse pose e situazioni. Questo profilo è stato creato al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo all’estinzione delle api. Sul profilo veniva mostrata l’ape mentre viaggiava, cucinava o era semplicemente in posa. Purtroppo, però, nel 2021 è stata pubblicata un’immagine in cui veniva spiegato come l’ape in questione era morta a causa dei pesticidi, nemici primari delle api. La campagna di sensibilizzazione, però, non è finita qui, e anzi continua proprio nel ricordo della simpatica B!

Global Climate Strike

Fridays for future” è forse il movimento ambientalista maggiormente riconosciuto al mondo. A rendere famoso questo sciopero, che coinvolgeva all’inizio solo gli studenti, è stata Greta Thunberg. Greta, infatti, ogni venerdì saltava scuola per manifestare davanti al parlamento svedese, al fine di ridurre le emissioni del paese. Seguendo le sue orme, questo sciopero si è allargato a dismisura. Tanto da entrare tra i Guinness World Records! Nel settembre 2019, infatti, si è svolta la maggiore manifestazione per il clima a livello globale. I paesi coinvolti sono stati oltre 160, con una partecipazione di 7,22 milioni di persone.

Vestiti fatti con scarti di arance

Orange Fiber” è un’azienda italiana, che ha avuto un’intuizione geniale: utilizzare gli scarti degli agrumi, che diventano di solito spazzatura, per creare vestiti! Si estrae la cellulosa dai frutti e si realizza un vero e proprio tessuto. In questo modo un vero e proprio scarto ha nuova vita, avendo anche un impatto positivo sull’ambiente! Questa idea, tanto originale, è stata già apprezzata e implementata da brand come Ferragamo e H&M. Sicuramente il successo non farà che crescere!

Una lettera contro l’inquinamento da plastica

Il brand di birre “Corona” ha realizzato un’installazione veramente impressionante, sulle coste del Messico. Ha, infatti, raccolto grandi quantità di rifiuti plastici e ha realizzato, sulla sabbia, una vera e propria lettera al mondo che inizia con la frase: “Immagina un mondo libero dalla plastica”. Le immagini dell’installazione sono molto suggestive, oltre a sensibilizzare su un problema tanto grande e importante. I nostri mari sono letteralmente sommersi dalla plastica, che costituisce l’80 per cento della spazzatura in acqua. Campagne del genere, che sono molto diffuse, possono far aprire gli occhi dell’opinione pubblica. Le immagini, specialmente se di forte impatto, sono infatti il motore principale della consapevolezza.


Fonti: 

treedom.net

repubblica.it

greenme.it

ehabitat.it

repubblica.it/green-and-blue/

brand-news.it

ilgiornaledelcibo.it

Credits: 

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.