Convivenza, matrimonio, separazione e divorzio: come e quando è cambiato il concetto di famiglia

Il concetto di famiglia, attorno al quale ruotano convivenza, matrimonio, separazione e divorzio è un mondo complesso: la società stessa è cambiata e cambierà nel corso del tempo.

Ai tempi dei romani

Fin dai tempi dei romani, la famiglia era composta dal pater familias, che poteva disporre del patrimonio della gens, era l’unico che poteva fare i sacrifici davanti all’altare degli dei.

La moglie e i figli gli dovevano obbedienza e rispetto; il padre aveva addirittura diritto di vita o di morte sui figli. Se ad esempio un infante nasceva malato, poteva decidere di ripudiarlo o lasciarlo morire.

La matrona romana e i figli

La matrona romana possedeva la cittadinanza romana e aveva contratto matrimonio con un uomo libero romano.

La donna romana, a differenza di quella greca, godeva di massimo prestigio e rispetto a Roma. La matrona si occupava della cura della prole, aveva potere in casa nel gestire i servi e gli schiavi ed era esentata dal lavoro domestico.

I fanciulli romani

I bambini romani erano educati nel corpo e nell’anima, istruiti e rispettosi per la patria, la religione, la tradizione e le leggi. I bambini spesso erano affidati a precettori pubblici e successivamente, quando nacque il primo sistema scolastico, ricevevano la propria istruzione nelle scuole.

Oggi e ieri, matrimonio

Dalla Prima Guerra Mondiale, il matrimonio e la sfera matrimoniale sono cambiati notevolmente.

Innanzitutto, in caso di stupro della propria moglie, si cominciò a punire attraverso la legge questo atto.

Anche la punizione del marito verso la propria moglie venne considerata reato e i figli legittimi e naturali cominciarono ad avere gli stessi equi diritti.

Gli sposi in Italia divennero, e lo sono tutt’ora, liberi di optare prima del matrimonio per la comunione o separazione dei beni.

Importanti cambiamenti

Dall’inizio dell’epoca moderna, il matrimonio non si fonda sull’alleanza tra famiglie di origine dei coniugi.

Il matrimonio assume sempre di più il significato di impresa personale. L’importanza dei legami di sangue e della famiglia allargata assume sempre meno valore rispetto al passato.

Divorzio e separazione

La separazione legale è la procedura attraverso cui il giudice autorizza i coniugi a vivere separati e stabilisce l’affidamento dei minori, l’assegnazione della casa familiare ed eventualmente il mantenimento da parte di uno dei coniugi.

Oggi, rispetto al passato, si è consapevoli in modo maggiore che la rottura di un rapporto (che sia divorzio o separazione), non deve essere trascinata a lungo poiché questo rappresenta un danno per i figli, soprattutto quelli più piccoli.

Tuttavia, si parla sempre più spesso di divorzio breve, ossia lo scioglimento del matrimonio anche quando non siano presenti figli minori, per velocizzare i tempi.

Si tratta quindi di un atto puramente formale che permette ai Tribunali di facilitare e velocizzare le procedure, molto spesso burocratizzate e lente.

In passato i tempi lenti e le procedure permettevano di vedere il divorzio in modo più negativo: oggi vi è un incremento notevole di questo fenomeno, dato da una maggiore sicurezza e una velocizzazione dei tempi.

Matrimoni civili

I matrimoni civili hanno aiutato notevolmente la progressione e la modernizzazione del matrimonio.

È importante precisare come le unioni civili non sostituiscano il matrimonio, bensì lo affianchino; le unioni civili si evolvono con la società ed è giusto che ottengano quindi una regolamentazione maggiore.

Famiglie arcobaleno

In Italia e nel mondo, esistono moltissime famiglie arcobaleno composte da genitori LGBT+, coppie sposate, separate o single.

Famiglie che, come le altre, hanno diritti, doveri e seguono determinate leggi morali per crescere i figli.

I valori su cui si basano le famiglie arcobaleno sono quindi gli stessi e non dobbiamo meravigliarci di fronte all’educazione della prole cresciuta da queste persone.

L’avvenire della famiglia

La famiglia, quella più moderna e progressista, vedrà un calo demografico a causa delle crisi economiche che stanno avvenendo negli ultimi periodi.

È anche vero che nell’era della pandemia la famiglia è stata un ostacolo per molti adolescenti, soprattutto in condizioni di povertà economica, ma ha rappresentato (per quelli più fortunati) il punto di appoggio nell’affrontare periodi di solitudine.

Secondo l’articolo 23, par. 1 del Patto internazionale sui diritti civili e politici ” la famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta e tutelata dallo Stato”.

Oggi risulta, inoltre, che la famiglia debba proteggersi da se stessa e dalle aggressioni esterne e soprattutto, come afferma il giurista austriaco Schambeck, la famiglia è espressione e significato della forza vitale dell’uomo.

 

 

Fonti:

capitolivm.it

cristinabertelloni.it

informafamiglie.it

famigliearcobaleno.org

altalex.com


Credits:

Copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.